Ai Yazawa è un’autrice giapponese di manga e anime, fra i quali Cortili del Cuore (titolo originale Gokinjo Monogatari), Paradise KissUltimi Raggi di LunaNon sono un angelo Nana.

Quando ero ancora alle elementari, come tutti i bambini, guardavo i cartoni giapponesi al pomeriggio e “Cortili del cuore” mi aveva colpito in modo fulminante.

La grafica di questo anime era molto diversa da quelli a cui ero abituata: personaggi alti e allungati, outfits alternativi ed eccentrici, capelli fashion e super scarpone con zeppe.

Oltre al loro stile mi piaceva molto la storia. Certo, essendo un manga shōjo (ovvero destinato alle ragazze),  il focus era principalmente sulla storia d’amore fra i due protagonisti, ma al di là di questo, ciò che mi piaceva era il fatto che tutti i personaggi erano ragazzi adolescenti con forti passioni artistiche.

La protagonista per esempio, Mikako Koda (Melissa nella versione anime italiana) è un’aspirante stilista che studia, insieme alle sue amiche, in un istituto di moda: disegna, cuce e indossa le sue creazioni e ci crede, ci crede tantissimo, tanto che alla fine riuscirà a realizzare il suo sogno di creare un brand con il suo nome.

Anche il suo vicino di casa e ragazzo, Tsutomu, è un creatore di oggettini buffi e la sua creatività sfocerà, alla fine, nell’ambito della fotografia. E come loro, anche tutti i loro amici hanno passioni e sogni: chi la pittura, chi i videogiochi ecc.

Quando, verso i 14-15 anni, ho scoperto il mondo delle fumetterie ho finalmente potuto leggere il manga originale  e scoprire che la storia ideata da Ai Yazawa era di gran lunga più interessante e profonda dell’anime. E soprattutto,  che era privo di quelle stupide censure di Mediaset che ad esempio, invece che tradurre frasi come “oggi ho mal di pancia perché ho il ciclo” traducevano in maniera raccapricciante “oggi ho mal di pancia perché ho mangiato troppe caramelle“. Come se i bambini fossero tutti un po’ tocchi e ci fosse bisogno di questa candore puritano.

Di questo manga ho la serie completa e, in un momento di particolare mania, da adolescente avevo comprato su Ebay la collezione completa dei Dvd dell’anime (peraltro fatti in maniera artigianale, non esistevano degli originali ai tempi).

Il molto barocco e poco sobrio abito creato e indossato da Mikako le permetterà di vincere una borsa di studio per Londra.

Mikako Koda, la protagonista del Manga (da notare il tenero gattino nero che avrà un ruolo fondamentale nella storia).

I personaggi di Cortili del Cuore (sullo sfondo vi sono anche i protagonisti di “Non sono un angelo”, manga precedente dell’autrice). I due ragazzi con i capelli rossi e con outfits punk-dark saranno alla base dello stile del successivo Nana.

 

Altro manga che mi ha segnato è stato Paradise Kiss, che si potrebbe definire il seguito di Cortili del Cuore: alcuni dei personaggi sono infatti figli dei protagonisti del manga precedente e, come i genitori, sono super fashion e stilosi.

Qui la protagonista principale è Yukari, una ragazza che cambierà radicalmente vita in seguito all’incontro con alcuni ragazzi dell’istituto di moda Yaza che la scelgono come modella per indossare una loro creazione. Ai Yazawa ha studiato qualche anno in una scuola di moda  e lo stile dei suoi disegni lo dimostra chiaramente: figure allungate, attenzione maniacale per abiti, accessori e capelli.

Rispetto ai suoi lavori precedenti, il design è maturato e molto più interessante.

Al di là dell’aspetto fashion comunque, il manga approfondisce parecchi aspetti: parla di amore, sessualità, amicizie e sogni che i protagonisti seguono con passione, dedizione e tanto lavoro. Un po’ come il manga precedente, ma visto con un taglio adatto ad adolescenti più grandi.

Joji, il protagonista maschile, è un aspirante stilista molto ambiguo, eccentrico e carismatico che alla fine diventerà un importante costumista. Nel manga viene citato il film “Velvet Goldmine” e se avete visto questo film capirete quanto Ai Yazawa si è rifatta a Brian Slade per creare i suoi outfits, il suo stile e il suo modo di pensare.

Dalla serie hanno fatto anche un anime e un film. Ho visto entrambi ma non li consiglio. Molto meglio il manga, come sempre!

Yukari, detta Caroline, la protagonista. Nessuno veste mai sobrio, d’altronde l’ispirazione ricorrente è opulenza e glam ’80

Miwako: un’altra caratteristica dello stile di Ai Yazawa (un po’ migliorata col tempo) è di fare dei piedi con scarpone enormi!

Miwako e Isabella, che è in realtà un un uomo.

Yukari eJoji, protagonisti in posa fashion.

Brian Slade, il protagonista del film Velvet Goldmine a cui Ai Yazawa si è rifatta per creare lo stile di Joji. Il film tratta la storia del glam rock attraverso la storia di questo ipotetico cantante, la cui vita si ispira solo in parte a quella di David Bowie.

Un must-have per studiare i costumi e la cultura glam degli anni 70-80.

I protagonisti del live action che per me anche no, ecco.

Lei invece è una cosplayer di Caroline davvero carinissima ❤

E poi arriviamo a un altro manga che mi ha segnato tutto il periodo adolescenziale: Nana.

A differenza delle due storie precedenti, questa non è incentrata sul mondo della moda né su ragazzi del liceo.

I personaggi sono più grandi (le protagoniste, all’inizio della storia, hanno circa 20 anni) e, sebbene si parli anche qui di sogni nel cassetto, amore, musica e design, lo sguardo di Ai Yazawa è più serio e tragico. Fin dai tempi di Cortili del Cuore non erano mancati temi difficili come per esempio il divorzio ma qui sicuramente la rosa di temi si amplia fino ad arrivare a rapporti con la droga, dipendenze, figli abbandonati da genitori, morte ecc. L’autrice indaga molto bene le psicologie dei personaggi senza idealizzare nessuno e mostrando bene anche i difetti, le paure e le debolezze dei protagonisti, in un quadro molto realista e a volte cinico.

Purtroppo non so ancora come andrà finire tutta la storia (anche perché si è complicata parecchio) ma di certo non potrà avere un reale happy end.

Ovviamente anche qui i personaggi sono super stilosi e curatissimi: Ai Yazawa si è ispirata principalmente agli outfits alternativi e visual e molti dei capi sono pezzi chiave della stilista inglese Vivienne Westwood. Molti dei protagonisti hanno capelli in stile punk, pantaloni bondage, borchie, orecchini, piercing e giacche di pelle.

Anche se non si occupano di moda ( la storia ha a che fare con la musica soprattutto), i personaggi di questo manga non la ignorano certo.

Dal manga sono stati tratti un anime e due film, raggiungendo un successo planetario.

Le due protagoniste del manga si chiamano entrambe Nana e si conoscono casualmente su un treno diretto a Tokyo. Nonostante le tante differenze di carattere e stile nascerà un’amicizia profonda e tormentata.

Nana Osaki è la cantante del gruppo rock-punk Black Stones detto Blast.

Gli accessori e molti abiti sono ispirati allo stile di Vivienne Westwood e l’iconico simbolo con globo e croce che la identifica regna sovrano.

Nana Komatsu, detta Hachi, è invece più simile alle classiche protagoniste dei manga giapponesi.

Nana e Ren condividono la stessa passione per la musica e lo stesso look

Nella storia sono numerosissimi i riferimenti al gruppo dei Sex Pistols e Ren è ispirato alla figura di Sid Vicious

La band dei Black Stones: le ispirazioni punk sono molteplici, così come i pezzi icona di Vivienne (vedasi scarpe, giacca e accessori di tutti)

Fortunatamente la grafica dell’anime è molto simile a quella del manga.

Invece il live action per me è sempre una gran delusione 😱

 

E qui ogni persona che ha letto questo manga si chiede: che fine ha fatto Ai Yazawa? A seguito di una grave malattia infatti, la serie è stata interrotta nel 2009 e da lì più nulla.

Fortunatamente Ai Yazawa sembra stare meglio: in rete ci sono articoli che vociferano un ipotetico ritorno dell’autrice al suo manga più celebre, ma certezze non ci sono.

Quello che vi posso dire però è che Ai Yazawa è presente su Instagram e su facebook e che potrete trovare qualche suo nuovo disegno creato per la cantante giapponese JUJU .

Potete anche contattarla e chissà che non riprenderà davvero a disegnare Nana. Io ormai ci ho messo un po’ una pietra sopra, ma se riprenderà la serie sarà un piacevole tuffo nella mia adolescenza.

Uno degli ultimi disegni di Ai Yazawa per la cantante giapponese Joji (certo non traspare molta allegria)

 

Author Bio

Marina Agazzi

Copywriter e fashion designer. Scrivo di moda, arte e cose insolite.